1. Home
  2. Finanza e Mercati
  3. Finanza e Mercati

Raccolta fondi supera in 7 mesi il 2016

12 settembre 2017 - 11:54  di FIRSTonline
DATI ASSOGESTIONI - Il patrimonio ha toccato un nuovo record, portandosi a 2.021 miliardi dai 2013 miliardi di giugno - A luglio raccolti 10,4 miliardi - I fondi aperti ancora una volta registrano gli afflussi maggiori con +5,7 miliardi.
Ancora un record per l’industria italiana del risparmio gestito. A luglio la raccolta netta si è attestata a 10,4 miliardi di euro, in crescita dagli 8,1 miliardi di giugno. Il totale da inizio anno ammonta a 67,3 miliardi e supera nettamente in sette mesi il dato dell'intero 2016. Il patrimonio ha toccato un nuovo record, portandosi a 2.021 miliardi dai 2013 miliardi di giugno.

Come indica la mappa mensile di Assogestioni, i fondi aperti ancora una volta registrano gli afflussi maggiori, con +5,7 miliardi, ma senza monopolizzare la raccolta, come a giugno quando il saldo era stato di quasi 8 miliardi. Il totale da inizio anno per i fondi aperti sfiora comunque i 50 miliardi (49,87 miliardi).

I fondi chiusi hanno archiviato luglio con una raccolta in crescita di 189 milioni (da 163 milioni di giugno) e con un saldo sui sette mesi di 579 milioni.

Le gestioni collettive hanno segnato un rimbalzo dopo la stasi di giugno, con +4,46 miliardi (da 22 milioni), a un totale da gennaio di 16,87 miliardi. La spinta è giunta dalle istituzionali, con +3,97 miliardi, dopo -141 milioni a giugno, a complessivi 12,57 miliardi da inizio anno. Per le retail il saldo mensile è di +487 milioni (dopo 163 milioni a giugno) e quello annuale di +4,3 miliardi.

Tra i fondi aperti, luglio ha assegnato nuovamente il primato di raccolta netta agli obbligazionari con +2,38 miliardi (1,83 miliardi a giugno), con un saldo annuale di 22,6 miliardi. Si confermano nel radar dei risparmiatori anche i fondi flessibili con +1,67 miliardi (dopo 1,87 miliardi) a un totale sull'anno di 10,47 miliardi) e i bilanciati (+1,48 miliardi dopo 1,77 miliardi, a 11,7 miliardi da gennaio).

Gli azionari, con +561 milioni, hanno ripreso un po' di colore, dopo un giugno decisamente pallido (97 milioni) e il saldo da inizio anno è di 6,15 miliardi. Dietrofront, invece, dei fondi monetari, che segnano -379 milioni dopo +2,46 miliardi di giugno e il totale da inizio anno è negativo per 673 milioni.

I fondi di diritto italiano a luglio hanno segnato una raccolta netta complessiva di 1,35 miliardi, dopo 1,9 miliardi a giugno, a un totale da inizio anno di 8,87 miliardi. Per i fondi esteri il saldo mensile è di 4,3 miliardi (dopo 6 miliardi) e quello annuale si attesta a 41 miliardi.

Notizie Correlate