1. Home
  2. Italia
  3. Top News

Terrorismo, Gentiloni: neanche Italia al sicuro

21 agosto 2017 - 07:37  di FIRSTonline
Intervenendo al meeting di Cl a Rimini, il premier ha detto che nessun Paese, e nemmeno l'Italia, è al riparo dalle minacce dell'Isis ma che i terroristi "non ci costringeranno a rinunciare alla nostra libertà".
"È decisivo che da tutti venga il sostegno alle forze dell’ordine, all’intelligence, ai militari impegnati per garantire la sicurezza. Fare sentire il Paese unito attorno alle forze che lavorano per la sicurezza è altrettanto importante rispetto al ripetere che i terroristi non ci costringeranno a rinunciare alla nostra libertà. La difendiamo, lo facciamo ringraziando ogni giorno chi ci consente di vivere liberi".

Al meeting di Cl, a Rimini, Paolo Gentiloni parla giocoforza di terrorismo, della tragedia di Barcellona, di come la minaccia viene vissuta a livello di governo. Il dibattito stimolato dai dirigenti di Comunione e Liberazione intreccia questi temi, come coniugare apertura e accoglienza con il recupero e la difesa dei nostri valori. E in questo senso il discorso del premier è soprattutto un invito: "A non aver paura e a non chiudersi dietro muri o protezionismi che non hanno senso".

Il presidente del Consiglio è partito dalla considerazione che "Daesh è stato sconfitto, almeno nella sua pretesa di avere un territorio, ma continua la minaccia, e anche se non credo alla loro propaganda, è chiaro che nessun Paese può sentirsi al riparo». Ma «continueremo a vivere liberi, come siamo abituati, nella difesa del nostro stile di vita".

Notizie Correlate