1. Home
  2. Lifestyle
  3. Firstarte

Monna Lisa in arte "la Gioconda", cosa nasconde dietro il suo sorriso

19 agosto 2017 - 06:17  di Marika Lion
A Parigi la Gioconda é una specie di monumento nazionale, non stupisce che attiri lo stesso numero di visitatori della Torre Eiffel e di Notre Dame... ma in lei c'e soprattutto quel fascino che cela tanti segreti.
A Monna Lisa è riservata un'intera parete del Louvre, dove una spessa lastra di vetro la protegge dal tempo e dagli sguardi dei visitatori che a migliaia incrociano il suo. Sono tanti gli studiosi che hanno cercato di comprendere i lineamenti del suo viso; molte le interpretazioni - senza capire. Di lei incanta il fascino e il sorriso misterioso. Un sorriso che trova parecchie versioni, a seconda di come la si osserva.

I critici considerano il quadro il capolavoro di Leonardo Da Vinci, e anche se al Louvre ci sono centinaia di quadri importanti é a lei, Monna Lisa, che ci si inchina; le sono state dedicate poesie, opere liriche e romanzi.

Si tratta di un dipinto eseguito su una tavola di pioppo, dove è stata applicata uno strato di pigmento estremamente sottile con grande maestria. I colori furono sovrapposti per velature così sottili che la mano di fondo bianco e duro, - con cui la tavola fu preparata -, traspariva dando all'insieme una straordinaria luminosità. Il quadro dei quadri misura appena - 76 centimetri per 53 centimetri - e fu realizzato da Leonardo a Firenze oltre 500 anni fa.

Gran parte della magia del dipinto sta nel modo in cui le mani, poggiate l'una sull'altra, conducono lo sguardo intorno alla figura, mentre la testa e gli occhi leggermente voltati lo riportano alle mani. Le tonalità di luce e ombra che creano forma e volume, insieme con la composizione e lo stile del quadro, segnarono una nuova tappa nella storia della pittura.

Anche l'assenza di gioielli e i capelli che ricadono lisci sulle spalle furono una innovazione audace, che aprì gli occhi a gran parte dei pittori sulle possibilità di dipingere bellezze semplici - di condizione sociale non elevata.

Pur tuttavia, lo sta-famoso e lievemente ironico sorriso non era nuovo. Infatti, era già presente sui volti delle statue gotiche a Rheims e in altre cattedrali. Forse non sapremo mai chi era Monna Lisa.

La storia continua in MANIFESTO12

Notizie Correlate