1. Home
  2. Finanza e Mercati
  3. Finanza e Mercati

Ubi Banca emette social bond per la Lega del Filo d’Oro

10 agosto 2017 - 12:38  di FIRSTonline
L'obiettivo è supportare l'attività dell'associazione che da più di 50 anni persegue i fini di assistere, educare, riabilitare e reinserire nella famiglia e nella società le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.
Ubi Banca annuncia l'emissione del prestito obbligazionario solidale per contribuire alla realizzazione di un progetto della Lega del Filo d'Oro, supportando così l'attività dell'associazione che da più di 50 anni persegue i fini di assistere, educare, riabilitare e reinserire nella famiglia e nella società le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

Il contributo verrà destinato per la realizzazione del progetto "Vicini a chi non vede e non sente: i Servizi socio educativi della Lega del Filo d'Oro". Tali servizi sono oggi gestiti attraverso i Centri Residenziali di Osimo (An), Lesmo (Mb), Modena, Molfetta (Ba), Termini Imerese (Pa) e le Sedi Territoriali di Padova, Roma e Napoli.

OBIETTIVI E AMPIEZZA DEL PROGETTO

In Italia le persone affette da problematiche legate sia alla vista che all’udito sono 189 mila, pari allo 0,3% della popolazione italiana. In tale contesto, l’obiettivo del progetto è garantire ai destinatari, nel proprio ambito famigliare e sociale d'origine, la realizzazione dei Progetti di Vita Individuali definiti con le équipe interdisciplinari. L’azione dei Servizi Territoriali della Lega del Filo d’Oro, operando in tal senso, concorre al miglioramento della qualità della vita dell’utente e della sua famiglia, promuove un ruolo attivo della persona con disabilità negli interventi che la riguardano e nella soluzione dei suoi problemi e potenzia la “rete di supporto” più prossima a ciascun beneficiario.

I beneficiari diretti del progetto sono 1.000 persone: 204 persone con disabilità uditive e visive, 306 con disabilità psicosensoriali plurime e 490 famigliari. Il progetto coinvolge inoltre 600 volontari della Lega del Filo d’Oro, 30 educatori e altre 400 persone dei servizi pubblici e privati.

Notizie Correlate