1. Home
  2. Italia
  3. News

Gasolio e benzina, prezzi in salita: +2,3 miliardi in 6 mesi

24 luglio 2017 - 09:50  di FIRSTonline
Secondo i dati del Centro Studi Promotor, da gennaio a giugno 2017 la spesa è cresciuta del 9,5%, mentre i consumi sono diminuiti dell 0,7%. Rispetto al primo semestre 2016, il prezzo del gasolio è aumentato di più rispetto a quello della benzina. Crescita dei prezzi è legata alla dinamica del prezzo del petrolio del greggio

Nei primi sei mesi del 2017 famiglie e imprese italiane hanno speso 26,5 miliardi di euro per comprare benzina e gasolio auto. Rispetto al primo semestre 2016 si è registrato un incremento del 9,5%, corrispondente ad una spesa maggiore pari a 2,3 miliardi di euro. Questi i dati emersi dalle elaborazioni del Centro Studi Promotor. 

Nonostante un calo dei consumi dello 0,7%, la spesa dunque è cresciuta, esclusivamente a causa dell'andamento dei prezzi alla pompa. 

Per la benzina, il prezzo medio ponderato è aumentato dell'8% nel primo semestre 2017, passando da 1,423 a 1,537 euro al litro. Ancor più elevato l'incremento per il gasolio auto. Rispetto al primo semestre 2016, il prezzo medio ponderato + salito da 1,248 a 1,389 euro al litro, per un aumento dell'11,30%. 

Come spiega Promotor, il prezzo del carburante è formato da due distinte componenti: quella industriale e quella fiscale. La prima remunera l'industria petrolifera e la sua rete di distribuzione, mentre la seconda fa guadagnare lo Stato, essendo costituita da una pesante accisa e dal gettito dell'Iva, che viene applicato sulla somma del prezzo industriale e sull'accisa. 

La crescita dei prezzi di carburanti è connessa alla dinamica del prezzo del petrolio greggio, e necessariamente la parte più importante dell’incremento di spesa va alla componente industriale, che nel primo semestre è infatti aumentata di 1,983 miliardi. Questo ha portato i ricavi complessivi dell’industria e della distribuzione del primo semestre a 9,733 miliardi.

Più modesto è stato invece l’incremento del gettito fiscale (311 milioni), ma la parte che va al fisco dell’intera spesa è ben più consistente di quella che va all’industria e ha toccato infatti nel primo semestre quota 16,769 miliardi.


Notizie Correlate