1. Home
  2. Finanza e Mercati
  3. Commento Di Borsa

La Corea frena le Borse, ma Fca sale con Samsung

11 aprile 2017 - 13:04  di Ugo Bertone
Listini europei rallentati dalle tensioni geopolitiche. L'indice Zew tedesco sopra le attese non basta a rilanciare e lo spread con il Bund si allarga per Francia e Italia. Mattinata negativa per banche e assicurazioni. In positivo Fiat Chrysler sulla ripresa delle trattative per Magneti Marelli. Bene Italgas e Snam, mentre Stm è travolta dalla caduta dei semiconduttori in Europa
Le incertezze geopolitiche frenano le Borse europee. L’indice Ftse Mib scende a metà giornata dello 0,6%, sotto i 20.100 punti. In ribasso, tra lo 0,1 e lo 0,3%, gli altri listini dell’Eurozona. In terreno positivo Londra (+0,4%).

L’indice Zew, il barometro della fiducia dell’economia tedesca, segna un miglioramento superiore alle attese, a 19,5 punti - massimo da agosto 2015 - da 12,8 di marzo. Ha invece disatteso le aspettative dei mercati la produzione industriale della zona euro nel mese di febbraio, con una flessione congiunturale dello 0,3% e una crescita tendenziale dell'1,2%.

"Oggi pomeriggio il Def oltre ad aggiornare il quadro economico di finanza pubblica e il programma nazionale di riforme include la trattazione di temi su disuguaglianza e benessere" ha detto stamane Pier Carlo Padoan al salone del Risparmio. Il ministro ha quindi sottolineato che "la dinamica del rapporto debito/Pil è tornata sotto controllo. E negli ultimi due anni si è sostanzialmente stabilizzata". A proposito delle banche Padoan ha detto che "la questione delle sofferenze, è complessa, ha alcuni punti di criticità ma è gestibile, sia con misure di sistema sia con misure specifiche".

Tensioni sui bond della zona euro. Il rendimento del Bund decennale scende sotto la soglia di +0,20% per la prima volta dal 27 febbraio. Lo spread Btp/Bund oscilla sui 205 punti. Lo spread Germania/Francia si allarga a 75 punti base, massimo da due mesi. 

Il tasso dei Bot a 12 mesi è tornato stamane a scendere. Il titolo è stato prezzato dal Tesoro a 100,243 per un rendimento negativo del 0,239%, tredici punti base sotto l’asta precedente.

Il dollaro perde leggermente quota nei confronti dell’euro che sale a 1,060, da 1,059 della chiusura precedente. 

Petrolio in assestamento dopo i rialzi di ieri: Brent a 55,8 dollari (-0,2%), Wti a 52,9 dollari (-0,2%).

A Piazza Affari Eni e Saipem sono invariate, Tenaris +0,2%, 

Sull’indice milanese pesa la giornata negativa del comparto bancario: Intesa perde l’1%, Unicredit -1,7%, Mediobanca -0,8%, Banco Bpm -2,8%. Arretrano anche le assicurazioni: Generali -0,8%, Unipol -0,8%.

Tra i titoli in terreno positivo Fiat Chrysler +0,4%. Il sito coreano Naver rivela che Fca e Samsung hanno trovato un accordo sul prezzo di cessione di Magneti Marelli. Sale anche Brembo (+0,2%).

Scende invece Stm (-2,6%) travolta dalla generale caduta del settore semiconduttori in Europa, innescata dal crollo della tedesca Dialog Semiconductor, in ribasso del 21% dopo il report del broker Bankhaus Lampe che paventa la possibilità che Apple scelga un altro fornitore per il chip che fa ridurre i consumi delle batterie.

Telecom Italia scende dello 0,6%. In calo le utilities: Enel -0,1%, positiva Terna +0,3%, Italgas +1,8%.

Notizie Correlate