1. Home
  2. Sport
  3. Calcio

Il Milan sorpassa l'Inter che rincorre a Cagliari

5 marzo 2017 - 08:19  di Federico Bertone
I rossoneri in rimonta liquidano il Chievo per 3 a 1 con due gol di Bacca e uno di Lapadula e scavalcano provvisoriamente in classifica l'Inter che oggi è costretta a vincere a cagliari se vuole tenere vivo il sogno europeo.
Il Milan è di nuovo in zona Europa, l’Inter vuole tornarci al più presto. La domenica di campionato vede i nerazzurri di Pioli (ma anche Atalanta e Lazio) costretti a vincere a Cagliari (ore 15) per non farsi scavalcare dai cugini rossoneri, momentaneamente al sesto posto dopo il 3-1 al Chievo di ieri sera. Tre punti fondamentali per gli uomini di Montella, a lungo impantanati in una situazione di pareggio che avrebbe complicato di molto la corsa all’Europa League. “La partita è stata in salita ma sempre sotto controllo – l’analisi del tecnico del Milan. – Potevamo chiudere in vantaggio già a fine primo tempo, non dico che abbiamo dominato l’avversario perché il Chievo ci ha messo in difficoltà, però ritengo che la vittoria sia meritata”. Protagonista indiscusso, nel bene e nel male, Carlos Bacca: sua la doppietta decisiva ai fini del risultato, suo anche il rigore sbagliato a fine primo tempo che ha complicato non poco la vita ai compagni. Ad ogni modo il bilancio del colombiano chiude in positivo: i suoi due gol (24’ e 70’) hanno permesso prima di sbloccare la partita, poi di allontanare lo spettro del pareggio. Dopo l’1-0 infatti il Chievo aveva trovato l’1-1 con De Guzman, lanciato sul dischetto da una decisione piuttosto generosa dell’arbitro Maresca (42’).

Poi però Bacca, dopo aver sbagliato diverse occasioni (su tutte, per l’appunto, il rigore di fine primo tempo), ha saputo trovare la zampata del 2-1, per poi godersi dalla panchina la rete del 3-1 finale firmata Lapadula (82’, altro penalty). Un successo che porta i rossoneri a 50 punti, 2 in più dell’Inter di Pioli, non a caso chiamata a rispondere in quel di Cagliari. “Quando rincorri sono tutte partite chiave – ha glissato il tecnico nerazzurro. – Dobbiamo trasformare la delusione di domenica scorsa in determinazione, il nostro obiettivo è il terzo posto e non deve cambiare finché ci saranno le possibilità di centrarlo. Le voci sul mio futuro? È inevitabile che ci siano ma non mi tolgono affatto la serenità”. La vittoria del Napoli di ieri però complica non poco i sogni di gloria, ragione in più per espugnare Cagliari e restare quantomeno in scia ai rivali. Pioli confermerà il 3-4-2-1 delle ultime settimane con Handanovic in porta, Murillo, Medel e Miranda in difesa, Candreva, Gagliardini, Kondogbia e D’Ambrosio a centrocampo, Banega e Perisic alle spalle dell’unica punta Icardi. Rastelli risponderà con un 4-3-2-1 che vedrà Gabriel tra i pali, Isla, Pisacane, Bruno Alves e Murru nel reparto arretrato, Dessena, Barella e Ionita in mediana, Joao Pedro e Sau a supporto di Borriello.

Notizie Correlate