1. Home
  2. Finanza e Mercati
  3. Commento Di Borsa

Banche e assicurazioni trascinano su la Borsa: FtseMib riacciuffa quota 19mila

13 febbraio 2017 - 13:08  di Ugo Bertone
Le banche popolari, Generali e Unipol danno linfa a Piazza Affari, che a metà giornata guadagna più dell'1% - Il FtseMib ritorna sopra la soglia psicologica dei 19mila punti base - Bene anche gli altri listini europei - Asta Btp: salgono i rendimenti.
Bello stabile sui mercati finanziari. A favorire la spinta al rialzo contribuiscono l’esito positivo dell’incontro tra Shinzo Abe e Donald Trump e i commenti distensivi del vice presidente della Ue Pierre Moscovici sul deficit italiano. Bruxelles alza la stima per il 2017 della crescita del Pil italiano allo 0,9%, che resta però la più bassa dell'Unione. Nel triennio di riferimento il deficit rimane sopra il 2% del Pil ma ben lontano dalla soglia del 3%, mentre il debito si conferma in area 133%.

A Milano l’indice Ftse Mib (+1,1%) supera i 19 mila punti. Positive le altre piazze del Vecchio Continente: Parigi +0,8, Francoforte e Madrid +0,6%. Stabile Londra (+0,08%).

Poco mosse le quotazioni del Btp a 10 anni, che viene scambiato a un rendimento del 2,27% (venerdì ha chiuso a 2,26%). Spread invariato a quota 194. Salgono, invece, i rendimenti delle nuove emissioni. Stamattina il Tesoro ha collocato complessivamente titoli di Stato per 8,5 miliardi di euro con varie scadenze: il rendimento dei Btp a 3 anni è salito a 0,25% da 0,06% di gennaio; il rendimento dei 7 anni è salito a 1,59% da 1,15% di gennaio; il rendimento del 30 anni è salito al 3,43% (massimo da ottobre 2014), da 3,14% di novembre. 

Debole il petrolio in lieve calo (Brent a 56,3 dollari/barile, -0,5%). Ma salgono Eni (+0,9%), Saipem (+1,9%) e Saras (+2,7%).

A tirare la volata dell’indice a Piazza Affari sono i titoli finanziari, a partire dalle Generali (+2%). Secondo il Financial Times la compagnia ha in cantiere tagli dei costi maggiori di quanto finora annunciato. Fa ancor meglio Unipol (+4,3%). UnipolSai +1,8%. 

Fra le banche spicca Ubi, in progresso del 4,2% dopo avere diffuso venerdì i risultati del 2016. Société Générale ha alzato il target price a 3,7 euro da 3,3 euro e ha confermato il giudizio Buy. Banco Bpm guadagna il 3%, Unicredit +0,7%, scendono Intesa (-0,1%) e Banca Pop.Emilia (-0,4%). Giù anche Carige (-1%), dopo un avvio disastroso (-5%). La banca ha chiuso il 2016 con 297 milioni di euro di perdita. 

Tra gli industriali, Fiat Chrysler +0,9%, StM +1,9%, Leonardo -0,5%. Contrastate le utility: salgono Terna (+0,8%) e Snam (+0,5%), scendono Enel (-0,3%) e A2A (-1,3%). Telecom Italia avanza dell’1%.

Fra i minori balzo di Tiscali, in crescita del 4% circa dopo che è divenuto operativo l'accordo strategico con Fastweb annunciato a inizio dicembre.

Uno sguardo sull’Aim, il listino Alternative di Borsa italiana: nel suo primo giorno di quotazione, Orsero (fatturato di 650 milioni nel settore distribuzione prodotti agricoli) guadagna il 6,4%, a 10,8 euro per azione. Si tratta della seconda società per dimensioni dell’Aim, la settima quotata con la formula dello Spac.

È la seconda quotazione del 2017 sul mercato italiano ed è avvenuta in business combination con la Spac Glenalta Food, supportata da Banca Aletti come Nomad. Si tratta della settima società quotata sul mercato Italiano con la formula della SPAC.

Notizie Correlate