1. Home
  2. Lifestyle
  3. Italian Food

Il Palato Italiano, cena di gala nel segno di Scorsese

20 gennaio 2017 - 05:14  di Maria Vaghi
Paul Sorvino, indimenticato attore del celebre film di Martin Scorsese "Quei bravi ragazzi", ospite a Bolzano di una cena di gala de Il Palato Italiano, originale club di gourmet,di cui Sorvino diventerà testimonial negli Stati Uniti -Nei prossimi giorni Sorvino si cimenterà ai fornelli a fianco dello chef Filippo Sinisgalli e vivrà l'esperienza di Esplorabo, itinerario enogastronomico tailor-made che Il Palato Italiano crea per assecondare i gusti degli ospiti food-lover con i più genuini prodotti italiani
È il 1990 quando Martin Scorsese firma la regia di uno dei suoi più celebri film, Quei bravi ragazzi (Goodfellas), nella lista dei migliori 100 film americani redatta dall’American Film Institute. Il gangster-movie è tratto dal romanzo di Nicholas Pileggi Il delitto paga bene ed è sceneggiato dall’autore stesso insieme a Martin Scorsese.

Lo straordinario concentrato di origini italo-americane parte dall’autore del romanzo, prosegue con la sceneggiatura e la regia e arriva fino alla scelta dei principali protagonisti: Ray Liotta, Robert De Niro, Joe Pesci, Paul Sorvino e Lorraine Bracco.

È proprio con Paul Sorvino che Il Palato Italiano, durante una delle recenti trasferte statunitensi dell’azienda, ha avuto modo di condividere la propria identità: l’amore per la cucina tradizionale italiana e l’attaccamento verso i territori di origine che sono stati il legante di partenza per scoprirsi accomunati da molte passioni.

In questi giorni Il Palato Italiano ospita l’attore americano e sua moglie Dee Dee Sorvino presso la sede di Bolzano dove, venerdì 20 gennaio, si è tenuta una cena di gala ideata dallo Chef Filippo Sinisgalli e ispirata alla stagionalità. Il percorso di otto portate vedrà protagonisti alcuni dei prodotti agroalimentari appartenenti alla selezione del Palato Italiano. Tra gli ospiti della serata  l’assessore alla cultura del Comune di Bolzano, Sandro Repetto; la Fondazione Pavarotti rappresentata dal direttore artistico Maestro Andreoli e dal soprano Elisa Maffi, che hanno aggiunto una parentesi lirica di pregio intitolata Taste of Opera, in omaggio alla passione di Paul Sorvino per il bel canto italiano.

Nei giorni a seguire l’artista americano, aiutato dallo Chef Filippo Sinisgalli e dalla brigata di cucina, si cimenterà ai fornelli; facile quindi immaginare che nella cucina del Palato Italiano si respirerà l’aria di un set cinematografico e, più di una citazione, riporterà tutti alle atmosfere di Goodfellas.



La presenza in Italia di Paul Sorvino non poteva non tradursi infine nell’occasione di compiere un percorso a ritroso fino alle sue radici che lo condurranno da Bolzano a Napoli.

L’attore americano, accompagnato dalla famiglia Bertani e dal team del Palato Italiano, vivrà l’esperienza di Esplorabo, itinerario tailor-made che l’azienda crea seguendo i gusti e i desideri dell’ospite. Generalmente proposto sul mercato internazionale, Esplorabo soddisfa la passione dei tanti food-lover che presto o tardi decidono di vivere il piacere dei gusti italiani più autentici nella terra dove sono nati.

Anche Paul Sorvino quindi, man mano che sentirà farsi più vicina l’atmosfera partenopea, avrà l’occasione di vivere tappe enogastronomiche di grande qualità e l’opportunità di conoscere le realtà di alcuni dei produttori agroalimentari meticolosamente selezionati.

Il suo entusiasmo, unito alle tante emozioni che riceverà da questa esperienza, lo renderanno un ambasciatore ancora più orgoglioso dell’italianità a tavola negli Stati Uniti.

Notizie Correlate