Torna al blog di Franco Locatelli

Fiat Chrysler, l'appeal non è solo in Cina

18 agosto 2017
Al di là delle ombre cinesi, oggi Fca è diventato un gruppo attraente e pronto a una grande alleanza internazionale - La sua forza poggia sulla riduzione dei debiti, sulla elevata marginalità operativa, sulla varietà dei modelli e su una presenza che spazia dagli Usa all'Europa al Sudamerica - Ci sarà lo scorporo di Alfa Romeo e Maserati? Il mercato si interroga ma non manca di premiare il titolo
E’ vero che la Borsa vive di voci ma è vero anche che ogni voce va verificata e approfondita con rigore. Soprattutto a Ferragosto, dove acquisti anche modesti possono generare balzi incredibili per la limitatezza degli scambi e dei volumi. Ecco perché le voci su interessi cinesi per l’acquisto di Fiat Chrysler andavano e vanno prese con prudenza e non solo per l’avversione del presidente Trump alla colonizzazione cinese delle imprese basate in America. Ma con altrettanta prudenza vanno ponderate le smentite che sono puntualmente arrivate dal Dragone, da Geely a Donfeng.

Ma una cosa l’exploit borsistico di Ferragosto di circa il 10% di Fca non può cancellare: l’appeal, non solo cinese, che il gruppo guidato da Sergio Marchionne s’è conquistato e che il memorandum of understanding sull’auto senza conducente firmato da Fca con Bmw e Intel proprio nelle ore del boom di Piazza Affari è valso a confermare. Come ha spiegato più volte Marchionne, il nuovo piano industriale, che sarà pronto nei primi mesi del 2018 e che il ceo italo-canadese lascerà in eredità a Fca prima di uscire e di concentrarsi solo sulla Ferrari, servirà a capire meglio dove andrà e che cosà sarà la Fiat Chrysler del dopo Marchionne, che si arrivi o meno allo scorporo dell’Alfa Romeo e della Maserati.

Due punti sono però fin da ora chiari e costituiscono già adesso l’appeal di Fca. Il primo è che per tante ragioni Fca si presenta all’appuntamento nuziale che la logica del consolidamento dimensionale imporrà nei prossimi anni nelle condizioni migliori e, in un certo senso, nelle condizioni di poter scegliere il partner per il suo futuro. Il secondo motivo alla base dell’appeal internazionale di Fca è che il gruppo ha seccamente tagliato i debiti, ha una varietà di modelli rilevanti, una marginalità molto forte e una presenza in Europa, negli Stati Uniti e in America Latina che pochi possono vantare.

I sindacalisti più intelligenti, come ha scritto il leader dei metalmeccanici della Cisl Marco Bentivogli nel suo blog su FIRSTonline, scrutano senza pregiudizi ma con comprensibile ansia il futuro della Fiat Chrysler ma non possono certamente dimenticare che tra i tanti elementi che hanno permesso – grazie all’opera lungimirante di Marchionne e al contributo dei lavoratori - di salvare prima la Fiat e poi la Chrysler c’è la difesa del lavoro. Al contrario di quanto è avvenuto in altri Paesi e in altre case automobilistiche, a partire da quelli francesi, negli stabilimenti italiani non un solo posto di lavoro è andato perduto e per i lavoratori i salari e il welfare sono significativamente aumentati, anche grazie alla saggia politica sindacale della Fim-Cisle della Uilm.

In tempi di finanza erratica, la difesa e la valorizzazione del lavoro non sono cosa da poco e sono certamente un altro degli elementi che rendono appealing la Fiat Chrysler di oggi.
Socio fondatore, amministratore e direttore responsabile di FIRSTonline. Milanese di nascita, ha sempre lavorato tra Milano e Roma. Ha cominciato a progettare un giornale online di informazione economica e finanziaria il giorno dopo la sua uscita, nella primavera del 2010, da IL SOLE 24 ORE, dove ha trascorso più di 25 anni, è stato capo della redazione Finanza e Mercati ed editorialista e ha commentato i più importanti avvenimenti economici e finanziari dalla metà degli anni Ottanta. Per l’editore Olschki ha scritto due storie di banche locali della Toscana, la prima delle quali con lo storico dell’arte Antonio Paolucci. Nel 2014 ha pubblicato con Ugo Calzoni il saggio "Imperi senza dinastie" edito dalla Compagnia della stampa Massetti Rodella