Torna al blog di Filippo Cavazzuti

Guido Rossi e la calda estate 1982 del Banco Ambrosiano

22 agosto 2017
Nel giorno della sua scomparsa, è giusto ricordare che, quando scoppiò il caso Calvi-Banco Ambrosiano, fu Guido Rossi, da presidente della Consob voluto dal ministro del Tesoro Nino Andreatta, a imporre la quotazione d'imperio sul listino principale del Banco Ambrosiano e a fare piena luce insieme a Ciampi sul dissesto della banca che aprì la strada alla liquidazione coatta, un precedente del recente salvataggio delle banche venete.
Nell’estate del 1982 quando scoppiò il caso Calvi-Banco Ambrosiano, ministro del Tesoro era Nino Andreatta e governatore della Banca d’Italia era Carlo Azeglio Ciampi. Oggi mi piace ricordare che Guido Rossi, deceduto all'età di 86 anni, era presidente della Consob su indicazione di Andreatta ed il suo ruolo e la sua partecipazione alla soluzione della vicenda Calvi. 

Siffatta vicenda, come ormai ben noto, mise in luce non soltanto le scorrerie finanziarie di Roberto Calvi tramite le sue banche domiciliate in Italia (Banco Ambrosiano e Banca Cattolica del Veneto) e all’estero, connivente lo IOR, ma anche la debolezza della normative sui mercati di Borsa: sia quello ufficiale sia soprattutto quello Ristretto, quasi o nulla regolamentato.

Su quest’ultimo, infatti, era inizialmente quotato il Banco Ambrosiano. Oggi devono essere ricordate le azioni che coinvolsero il Tesoro, la Banca d’Italia e la Consob. Le ispezioni di Bankitalia condotte sul Banco Ambrosiano avevano messo in evidenza le gravi condizioni di squilibrio finanziario del Banco. Ma, essendo questo quotato al mercato Ristretto, la quasi inesistente regolamentazione non consentiva di informare il pubblico sullo stato reale del Banco.

Fu quindi necessaria da parte della Consob e del suo presidente adottare il provvedimento per la quotazione d’imperio del Banco sul mercato ufficiale e imporre le comunicazioni obbligatorie relative anche al bilancio consolidato di gruppo. Fatto che determinò ingenti vendite di tutti i titoli del gruppo fino a comportare la cancellazione dal listino dei titoli del Banco e della Banca Cattolica del Veneto. Poi seguì la liquidazione coatta amministrativa  e l'intervento di altro istituto; fatti di allora che vanno, oggi, ricordati non soltanto per i loro autori, ma anche perché costituirono il precedente del recente salvataggio delle banche venete.
Filippo Cavazzuti (1942) è professore di Economia e regolazione dei mercati finanziari all’Università di Bologna, È stato anche senatore della Repubblica, sottosegretario al Tesoro (sotto il ministro Ciampi), commissario Consob. Per alcuni anni, come presidente del Consorzio Patti Chiari (2009-2013), si è dedicato all’introduzione dell’educazione finanziaria nelle scuole italiane nell’ambito delle discipline tecniche e umanistiche. Recentemente ha pubblicato: La privatizzazione dell’IRI tra Governo, Parlamento e dintorni, nel IV volume dell’opera a cura di Roberto Artoni, La storia dell’IRI; in Moneta e Credito Bricolage nei quaranta anni della Consob e Luigi Spaventa in Consob. In corso di pubblicazione, Un racconto di economia politica sul protezionismo italiano, in Collana storica della Banca d’Italia, Marsilio editore.